ga('require', 'GTM-TLF7PPC');

Spermiogramma


L’esame del liquido seminale si effettua dopo 3-5 giorni d’astinenza sessuale e permette di valutare il numero, la motilità e la morfologia degli spermatozoi presenti nell’eiaculato. Un liquido seminale viene considerato normale se sono presenti almeno 20 milioni di spermatozoi per millilitro, se almeno il 50% di questi spermatozoi si muove in modo progressivo e infine se almeno il 20% degli spermatozoi presenti ha una morfologia (o aspetto) normale. Se il numero di spermatozoi presenti nell’eiaculato è inferiore alla norma si è in presenza di oligozoospermia. Quando invece è la motilità degli spermatozoi che risulta essere insufficiente, il liquido seminale presenta caratteristiche di astenozoospermia. Nel caso in cui la proporzione di spermatozoi anomali è superiore alla media si parla di teratozoospermia. Tutte queste patologie possono presentarsi anche in combinazione tra loro.

D’altronde L’azoospermia è la  completa assenza di spermatozoi nel liquido seminale. L’azospermia può essere ostruttiva se vi è una normale produzione di spermatozoi a livello testicolare ma un impedimento meccanico non permette la loro fuori uscita nel liquido seminale o secretoria se il problema si trova a livello testicolare dove la produzione di spermatozoi risulta essere compromessa o del tutto assente.


Test di vitalità


Il test di vitalità si effettua sul liquido seminale e serve per valutare la presenza e la percentuale di spermatozoi vitali in un campione in cui gli spermatozoi appaiono tutti od in alta percentuale immobili.

 

 

Spermiocoltura

 

Questo esame si effettua sul liquido seminale e permette di evidenziare l’eventuale presenza di infezioni (batteriche ed altre). La presenza di microrganismi nel liquido seminale può interferire nella capacità di fecondazione.

 

 

Biopsia testicolare diagnostica


Questo esame è indicato solamente per pazienti azoospermici. Si effettua, in anestesia locale, un piccolo prelievo del tessuto testicolare per studiarne la struttura (esame istologico) e ricercare la presenza di eventuali spermatozoi. Nel caso in cui vengano evidenziati spermatozoi nel prelievo bioptico, questi vengono crioconservati e possono quindi essere utilizzati successivamente per un intervento di fecondazione in vitro.

 

 

Cariotipo con cariogramma


Questo esame si effettua su un prelievo di sangue del paziente e permette analizzare il numero e la struttura di ciascun cromosoma che costituisce il patrimonio genetico. Alterazioni di queste strutture sono correlate a patologie che possono essere trasmesse al prodotto del concepimento.

 

Estudio de meiosis

 

 

In casi particolari come azoozspermia, oligozoospermia severa o astenozoospermia severe è consigliato fare oltre al cariotipo, una biopsia testicolare per estudiare le cellule precursore degli spermatozoi: espermatogonies e spermatociti. Queste cellule sono le responsabili delle haploidie negli spermatozoi.